lunedì 4 marzo 2013

CONTINUO A CHIEDERE ASSISTENZA DOMICILIARE PER LORENZO AFFETTO DA SINDROME RARISSIMA CON SOLO 85 CASI NEL MONDO

Caro Direttore Massimo D' Amanzo,

Spero che questo muro di silenzio sia giustificato a difesa del buon nome degli incarichi pubblici che ricoprite. Non ci si stupisca poi di certe forme di reazione populistiche e popolari concretizzatisi nell' esito elettorale anticamera di quello che avverra' alle prossime amministrative Comunali se non si puo' o semplicemente non si sa dare una risposta ad una emergenza sociale come la mia. Perche' devo star qui ad implorare non prebende e meriti o privilegi ma semplicemente quello che spetta di diritto ad cittadino italiano disabile che non e' nemmeno in grado di gridare la frustrazione e la insensibilita' che si ottiene ogni qual volta ci si rivolge alle istituzioni anche di base? Signori aspetto anzi pretendo attenzione e rispetto da voi che siete stati eletti e chiamati attraverso un percorso pseudo democratico di rappresentanza ad occuparvi della nostra RES PUBLICA . Al vostro contrario Io di tempo da dedicarvi ne ho proprio tanto , tutta la mia vita, perche a ragion veduta agisco secondo giustizia in nome e per conto di mio figlio : Bussa e ti verra' aperto . Io posso aspettare ma non in silenzio bensi dimostrando pacificamente e democraticamente con la forza dei giusti per conquistare quel minimo di rispetto e decenza che si manifesta anche con la lettera di solidarieta dell'amico Walter Scognamiglio. Si puo scegliere certo di ignorare le mie richieste e nascondere la testa sotto la sabbia ma attenzione che il resto del corpo prono a 90^ si offre come facile e utile bersaglio mediatico e politico. Tutti i giorni che seguiranno senza offrire un positivo riscontro, attraverso i modi consentiti dalla legge , proseguira la mia non piu richiesta ma protesta in forma democratica allungando i destinari a piu di cinquemila indirizzi su Roma soltanto. Poi si passera' ai Media di quartiere,regionali e sensazionalistici. Io cerco pace e giustizia per mio figlio . Voi che in qualche modo mi rappresentate avete il dovere di assicurarmeli e io il diritto di chiedere. E non liquidatemi con un "...comprendo la sua frustrazione " perche' nessuno di voi sta sperimentando come la mia famiglia il vero inferno che non è quello del fuoco ma quello di questa terra con pene,demoni e fantasmi sempre piu reali. Non resistereste nemmeno un giorno voi.
Cortesemente

Dott Domenico BROCATO

2013/3/2 Walter Scognamiglio


Il giorno 02 marzo 2013 14:01, Domenico Brocato ha scritto:

Capisco l'enorme massa di comunicazioni alle quali Lei e le sue assitenti , Direttore dovete dar seguito con priorita assoluta ma almeno un " acknowledgment" della mia se non in un accoglimento potrebbe almeno darci una strenua speranza con la quale andare avanti. Lei sa cosa vuol dire togliere anche la speranza ad un uomo ? c' è solo la disperazione a seguire con le decine di lettere lasciate a unico muto testimone di un " J'accuse" istituzionale.
Cordialmente,

Dr Domenico BROCATO
III° Degree K of C
+++ Vivat Jesus+++
Casa 06 8120697
Cell 349 4207541






2013/2/26 Domenico Brocato

Carissimo Massimo,
anch'io sono molto coinvolto "affettivamente" sia verso Lorenzo, che verso i coniugi Brocato.
Conosco come ben pochi la situazione che loro vivono per assistere amorevolmente il loro figlio. E credimi..questa volta si è arrivati allo sfinimento!!!
Ti sarei infinitamente grato se potessi intervenire con i Servizi Sociali per l'aumento delle ore di assistenza domiciliare e se credi che io potessi intercedere verso Istituzioni maggiori..sono a disposizione per ogni eventuale Tuo suggerimento.
Ti ringrazio e spero di sapere al più presto liete notizie!
Con l'ammirazione e la stima di sempre!
Walter Scognamiglio
(Vice Presidente del Consiglio del IV Municipio)



2013/2/26 Domenico Brocato

Egregio Direttore D' Amanzo,

Sono oramai trascorsi quasi quattro anni dalla data del nostro incontro sollecitato dall' Amico Bruno che anche recentemente si e' adoperato in favore di mio figlio
Lorenzo di 10 anni ( uno dei 85 pazienti in tutto il mondo affetti dalla Herdnon, Dudley Sydney Syndrome che impietosamente paralizza il corpo, rende impossibile il controllo del capo a rischio autosoffocamento e impedisce la parola e qualsiasi altro gesto ivi compreso l'asciugarsi le lacrime..). Viviamo anzi io e mia moglie sopravviviamo per il solo progetto comune di allevare nell'amore il nostro unico figlio . Inoltre la sindrome da piu di un anno a questa parte ha incalzato con circa 10/15 micro attacchi epilettici sia di giorno che di notte . Non abbiamo amici ne parenti essendo i miei genitori ottuoagenari con i loro problemi; non abbiamo ne vita di coppia ne di relazione: io ho raggiunto il peso di 220 kili per problemi psicologicamente correlati a questa situazione mentre mia moglie Stefania è arrivata a 49 kili ( e alta 1.75) sviluppando per sollevare Lorenzo di 35 kili schiacciamenti ai dischi, menopausa precoce ed anemia. Non si puo nemmeno andare al bagno se non ci diamo i turni a sorvegliare Lorenzo. Sono plurilaureato,con un master USA, parlo quattrolingue etc ec ma senza lavoro da 5 anni in regime ISEE. Forse da qui a breve dovro accettare un lavoro a Sacramento in California poiche oramai siamo alle soglie inoltrate della poverta ove a quasi 50 anni devo accettare dai miei anziani genitori la spesa per la settimana e le 50 euro per tirare avanti. Dovro lasciare sola mia moglie. E oramai un anno circa che mi sono rivolto a Bruno il quale ha intercesso presso di Lei . Sono a conoscenza del carteggio fra lei e Roma Capitale. Ci sono persone che so per sicuro che hanno anche 36 ore di assistenza domiciliare da molti anni contro le mie appena 12 ore . La prego lei che puo' spezzi questa lancia non a favore mio che ho gia avuto dalla vita ma per Lorenzo. Lei ha oneri ed onori. Un difficile compito sopratutto quando i fondi non sono mai abbastanza e a volte da altri mal gestiti. La prego con tutta la mia umilta' con l'ultima dignita' rimastami , per quello che forse non dovrei implorare e che dovrebbe essere un diritto aquisito e naturale della persona : essere aiutati da uno Stato che si definisce in qualche modo sociale ma che poi taglia le vite e l'assistenza proprio ai oiu deboli ovvvero a quella moltitudine che non puo' protestare se nel silenzio delle nostre coscienze quando guardiamo i nostri figli. Direttore non sto qui a mercanteggiare conoscendo il suo valore come persona in primis sul quante ore aumentare a Lorenzo. Conosce la nostra emergenza e il mio urlo disperato . Nono hai voluto importunarla come questulante presso il suo ufficio sebbene ne avessi la voglia, la determinazione e il diritto di farlo. Non ho mai voluto imbarazzare ne lei ne il suo ufficio con gesta mediatiche sebbene ne abbia avuto l'opportunita : Pero' ora la situazione è cambiata e in peggio e penso che vorra' scusare la mia onesta sfrontatezza nel chiederle un consistente ( per quanto possibile ) aumento di ore di assistenza domiciliare. Spero di ricevere a breve un riscontro positivo quanto meno un cenno che mi faccia capire che ha letto questa mia supplica e che l' abbia raccolta. Grato per quanto possibile.

--

Dr Domenico BROCATO
III° Degree K of C
+++ Vivat Jesus+++
















--

Dr Domenico BROCATO
III° Degree K of C
+++ Vivat Jesus+++













caso in cui si riceva il messaggio per errore e' assolutamente vietato usarlo, copiarlo, o comunque divulgarlo mediante comunicazione e/o diffusione e bisogna provvedere sia alla sua cancellazione sia alla distruzione di tutte le copie esistenti. Ringraziamo anticipatamente per la vostra preziosa collaborazione.

Nessun commento:

Posta un commento